Alessandro Sciaraffa

Biografia

Torino, 1976.
Vive e lavora a Torino.

Si laurea in Architettura al Politecnico di Torino, studia alla Fondazione Spinola Banna e si diploma al corso Designing the exhibition alla Domus Academy di Milano.
Vincitore di premi nazionali e internazionali, ha esposto a Torino alla Fondazione Merz, alla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea e alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.

Selezione mostre personali

2014
I lunatici parlano alla Luna, Galleria Giorgio Persano, Torino

2013
Greater Torino, a cura di/curated by Maria Teresa Roberto, Irene Calderoni, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino

2012
VITRINE, a cura di/curated by Luigi Fassi, GAM Galleria Civica d’Arte moderna e contemporanea di Torino, Torino
le jeu est une chose trop sérieuse pour être laissé seulement aux enfants, Galerie Italienne, Paris

2011
Alessandro Sciaraffa, Galerie Italienne, Paris, in collaborazione con/in collaboration with Galleria Giorgio Persano
ti porto il mare, meteorite in giardino, a cura di/curated by Maria Centonze, Willy Merz, Fondazione Merz, Torino, in collaborazione con/ in collaboration with Galleria Giorgio Persano
Landscape Town, a cura di/curated by Sara Serighelli, O’, Milano, progetto WHYOFF
Trrr, a cura di/curated by Alberto Fiore, Galleria Studio 44, Genova

2010
Akasha, a cura di/curated by art at work, Galleria Cardi Black Box, Milano

2008
project-room, a cura di/curated by Lisa Parola, Galleria Albero Peola, Torino
Bell Tower – ItalianWave, Artissima 15, Lingotto, Torino

Selezione mostre collettive

2015
Arte alle Corti, Torino
Linked: when contemporary art creates awareness about climate change, Musée Océanographique, Monaco

2014
NO-ORDUNG Asteroid 19612, Luka Gallery + Anex Gallery, Pula, Croatia

2013
t0 (ti con zero Radio), a cura/curated by Giorgina Bertolino, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino

2012
Premio Cairo, Museo della Permanente, Milano
Mente Locale nuovi committenti per una mostra, a cura di/curated by a.titolo
CESAC, Caraglio
YAP, Ascolti, a cura di/curated by Fabrizio Rosso e Giulia Pedace, MAXXI, Roma
Arte Fiera Art First, a cura di/curated by Julia Draganovic, Aeroporto Internazionale Guglielmo Marconi, Bologna, in collaborazione con/ in collaboration with Galerie Italienne
Cage Day, Conservatorio della Svizzera Italiana, Lugano, Svizzera, progetto WHYOFF
Derive, Variazioni qualitatite del quotidiano, a cura di/curated by Alberto Fiore, Angel Moya Garcia, CIAC, Castello Colonna, Genazzano (Roma)
Arte Sera Live, a cura di/curated by Olga Gambari, Annalisa Russo, Fondazione Merz, Torino

2011
Vedere un oggetto vedere la luce, a cura di/curated by Ginny Kollak, Padraic E. Moore, Pavel S. Pyś, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Guarene d’Alba (CN)
Festival TEC ART ECO 02 CREAZIONI, a cura di/curated by Claudio Prati, Lugano, progetto WHYOFF
Marea, Rolli Days, Palazzo Cosmo Centurione, a cura di/curated by Alberto Fiore, Daniela Legotta, Alessandra Piatti, Genova

2010
Shaping the Shadow, video.it, a cura di/curated by Francesco Bernardelli, Francesco Poli, Fondazione Merz, Torino
t0 (ti con zero a zero), a cura di/curated by Alessandro Sciaraffa, NietzscheFabrik, Torino
In Sede: Tempi precari, a cura di/curated by Francesco Poli, Elisa Lenhard, Palazzo della Provincia di Torino, Torino

2009
Premio Lum per l’Arte Contemporanea, a cura di/curated by Luca Cerizza, Antonella Marino Francesco Stocchi, Teatro Margherita, Bari
t0 (ti con zero), a cura di/curated by Alessandro Sciaraffa, NietzscheFabrik, Torino
Usine de rêve, a cura di/curated by Cecilia Casorati, Sabrina Vedovotto, 26cc spazio per l’arte contemporanea, Roma

2008
Proposte XXIII, a cura di/curated by a.titolo, Accademia Albertina delle Belle Arti, Torino
Made in Turin, Palazzo Birago, sede camera di commercio di Torino, a cura di/curated by associazione culturale Azimut, Torino
Trap, a cura di/curated by Fondazione Spinola Banna per l’Arte Contemporanea, Poirino (TO)

2007
Komet, Auditorium della Radio Svizzera Italiana, Studio Uno, Lugano, progetto WHYOFF
Disforie 007, a cura di/curated by Elisa Lenhard, Palafuksas, Torino

2006
Komet, Fondazione Stockhausen per la musica, Kurten, Colonia, Germany, progetto WHYOFF
VERSUS XII, a cura di/curated by Galleria Velan, Museo arte contemporanea di Chieri, Chieri (TO)

2005
Zimmer Frei Projekt, a cura di/curated by Irina Novarese & Sven C. Gusowski, Skurrilletten Gallery, Berlin
In Sede, a cura di/curated by Francesco Poli, Assessorato alla Cultura, Torino
Performagia 03, Festival Internacional de Performance, Museo del Chopo, Mexico City
Dilatazione di un implosione, Associazione Culturale Machè, Torino

Premi e residenze

2012
Premio Cairo, Museo della Permanente, Milano (finalist)
CAS Certificate of Advanced Studies in musica elettronica e sound design, Master Prof. Fabrizio Rosso, in collaborazione con/ in collaboration with la Scuola Universitaria di Musica, Lugano, il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo, MAXXI B.A.S.E. Roma.

2011
Premio Moroso, Milano

2010
Workshop, con/with Jorge Peris, Fondazione Spinola Banna per l’Arte Contemporanea, Poirino (TO)

2009
Premio Nicati, Musik Hochschule, Berna, Svizzera, progetto WHYOFF
Premio Lum per l’Arte Contemporanea, selezionato da/selected by Francesco Stocchi, Teatro Margherita, Bari (finalist)
Workshop, con/with Benjamin Weil, Fondazione Spinola Banna per l’Arte Contemporanea, Poirino (TO)

2008
ItalianWave, Artissima 15, Torino
Workshop, con/with Jorge Peris, Fondazione Spinola Banna per l’Arte Contemporanea, Poirino (TO)
Workshop, con/with Massimo Bartolini, a cura di/curated by a.titolo, Accademia Albertina delle Belle Arti, Torino

2006
Fondazione Stockhausen per la musica, 3° premio Kurten, Colonia, progetto WHYOFF (Pietro Luca Congedo, Fabrizio Rosso)

2003
Designing the exhibition, Domus Academy, Milano
Premio Libero Ferretti, dove abita l’utopia, a cura/curated by Stefania Fanesi Ferretti, Pierre Restany, Milano

1997
Io Espongo, 1° premio, Associazione Culturale Azimut, Torino

Progetti

Whyoff
Gruppo di manipolazione musicale fondato nel 2006 da Alessandro Sciaraffa, Fabrizio Rosso, Pietro Luca Congedo.

ti con zero
Happening di sperimentazioni plastiche-musicali con l’obiettivo di riunire artisti e musica una forma di scultura.