In transit

In transit

In transit

Giorgio Persano

Va Principessa Clotilde 45

Torino

8 Novembre 2008
Inaugurazione h. 18.30

Lida Abdul viene presentata per la seconda volta in via Principessa Clotilde 45.

Girato come di consueto in Afghanistan, In Transit presenta la fantasia poetica di un gruppo di bambini che cercano di far volare un vecchio aereo russo crivellato di colpi d’arma da fuoco. “Il lavoro”, spiega l’artista, “funziona sia come performance che come film. Ho lavorato con circa settanta bambini dai 5 ai 9 anni. Questi bambini riempiono di cotone ogni singolo buco della fusoliera dell’aereo, poi con delle funi tentano di alzarlo in cielo come un aquilone”.
Alla cruda realtà della distruzione della guerra fa da contrappunto la speranza nel futuro rappresentata dai bambini, creature naturalmente innocenti e poetiche.

In Our Delirium, realizzato nel 2008, un ragazzo afgano usa un resto di mitragliatrice per giocarci. Il delirio del titolo sembra riferirsi a questa sorta di schizofrenia per cui la guerra si mescola assurdamente al gioco, in una sorta di scollamento dalla tragicità del vissuto quotidiano.

Speaking and hearing appartiene invece a una serie di lavori realizzati tra il 1999 e il 2001, il cui tema principale è la memoria. In questo video Lida Abdul è la protagonista di una performance in cui estrae dalla bocca alcune fotografie.
“Voglio far emergere la tragica bellezza del modo in cui i bambini affrontano scenari violenti e mostrare come possano essere flessibili in simili condizioni, creando con la loro innocenza un antidoto alla tragedia della loro condizione. Senza i bambini che giocano e corrono per le strade di Kabul, l’Afghanistan di oggi sarebbe un luogo ancora più violento di quello che è”.