La Casa Que Hoy Soy

La Casa Que Hoy Soy

La Casa Que Hoy Soy

Giorgio Persano

Piazza Vittorio Veneto 9

Torino

5 settembre – 31 ottobre, 1997

L’artista spagnola Susy Gómez espone per la seconda volta il suo lavoro alla Galleria Giorgio Persano di Torino.
L’ opera di Susy Gómez sorge da una mera necessità psicologica, da un’affermazione di posizioni al principio vitali che finiscono per incardinarsi nella propria struttura artistica, tracciata fino a questo momento con le esposizioni Sense Titol (Fundacion Miró, Barcelona, 1993); Voy A Apagar La Luz para Pensar en Ti (Museu de Montsià, Amposta, Tarragona, 1993); (Mi:) (Galleria Giorgio Persano, Torino, 1995); Maldito Corazón (Fundación Pilar y Joan Miró a Mallorca, Palma de Mallorca, 1996) Seca Tus Ojos (Galeria Luis Adelantado, Valencia, 1997); Rendez-Vous (Galeria Edicions T, Barcelona, 1997).
Nello spazio della galleria forme che non appartengono a nessun luogo, ma che si muovono all’ interno di un paesaggio mentale, per cammini di rose, bolle di illusioni, immagini ampliate fotograficamente, raccolgono azioni intime, forme particolari di un io che resiste a mostrarsi del tutto se non attraverso lo sguardo dello spettatore. Sorgono possibilità libere dirette da irrealtà inventate, lo sguardo che si è posato si offre a noi al di là del significato abituale. Non c’é nel lavoro di Susy Gómez una ricerca premeditata di stile, ma un’oscillazione fra modi distinti e gesti, un’ abolizione totale dei limiti e dei generi. In questa apparente e profonda dispersione dei mezzi si situa la massima pretesa del suo lavoro: come nella vita, una ricerca in cui la conoscenza é intesa come avventura ed il desiderio é il suo motore.