Luce a luce

Luce a luce

Luce a luce

Giorgio Persano

Via Principessa Clotilde 45

Torino

25 settembre 2009 – 16 gennaio 2010

Per la seconda volta lo spazio di via Principessa Clotilde 45 della galleria Giorgio Persano ospita i lavori di Nunzio.

In “Luce a Luce” toccherà nuovamente a Nunzio, dopo la mostra del 2005 nella quale  aveva occupato lo spazio espositivo con due autentiche strutture di case rurali recuperate in Croazia, il compito di far dialogare i suoi nuovi lavori con i 700 metri quadrati dell’ex-officina di via Principessa Clotilde.

“Ho pensato queste opere apposta per questo spazio – spiega l’artista – uno spazio immenso che si presta a lavori grandi. Il mio obiettivo è quello di smaterializzare, di dare leggerezza alla forma”.

Come nella grande installazione lunga 12 metri in acciaio corten traforato. “Un elemento concavo che sembra accogliere lo spettatore, ma è allo stesso tempo un diaframma trasparente che divide lo spazio – dice l’artista -. Le minute aperture nel metallo infondono poi leggerezza a quest’opera e disegnano una griglia che è allusione a un diaframma simbolico.
Come in un recesso nascosto e velato agli occhi, il reticolo interrompe l’unità visiva, ma lascia filtrare la parola. L’opera diventa allora testimone silente di qualcosa di inconfessato e recondito”.

Completano la mostra una serie di disegni e Alfabeto, un grande lavoro a parete alto più di 6 metri e formato da 21 elementi in piombo.

L’arte di Nunzio, usando le parola di Danilo Eccher scritte per il catalogo della personale che il neo-direttore della Gam di Torino curò al Macro di Roma, “ha una sorta di sospensione classica, un’eleganza rarefatta che richiama la sintesi formale di Costantin Brancusi, una suprema e netta determinazione, un’estasi gestuale che si riconosce anche nei ‘concetti spaziali’ di Lucio Fontana”. E ancora: “La struttura scultorea di Nunzio è fatta dall’estrema sintesi di una materia spoglia, nuda, assolutamente essenziale nel suo esporsi al desiderio dello sguardo”.